Parte il 22° intervento del Piano per il lavoro: 16,6 milioni per i dottorati di ricerca

30 09 2011

Più di 16 milioni di euro per i dottorandi della Puglia. A beneficiarne saranno i vincitori della borsa di studio che non sono stati finanziati due anni fa e l’anno scorso per mancanza di risorse.
L’intervento varato dalla Giunta regionale, è previsto dal Piano straordinario per il lavoro. Si rivolge ai vincitori senza borsa dei percorsi di dottorato del XXV e del XXVI ciclo attivati nelle università pugliesi pubbliche e private riconosciute dall’ordinamento nazionale.

Le borse finanziabili, da ripartire tra gli Atenei pugliesi, sono 346 e saranno liquidate per una, due o tre annualità, compatibilmente con il completamento dei percorsi di dottorato, in ogni caso entro il 30 settembre 2014. L’ammontare delle risorse disponibili è di 16,6milioni. Così salgono a 22 gli interventi del Piano per il Lavoro per un impegno pari a 240,6milioni di euro sui 340 totali.

Scarica il comunicato stampa: Parte il 22° intervento del Piano per il lavoro_ 16,6 milioni per i dottorati di ricerca

Fonte: sistema puglia





Start Cup Puglia 2011: i vincitori

28 09 2011

Soluzione per il recupero di scarti di metalli preziosi usati dall’industria microelettronica: gli sviluppatori di questa soluzione – un team composto da un ingegnere gestionale, un laureato in fisica e uno studente di ingegneria elettronica, tutti provenienti dall’Università del Salento – denominata MRS sono i primi classificati della Start Cup Puglia 2011, la competizione tra piani di impresa innovativa organizzata per il quarto anno consecutivo dall’ARTI – l’Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione.
I secondi e i terzi classificati sono rispettivamente SM&T e MiGlas. Realizzato da un gruppo di ricercatori del Laboratorio Nazionale di Nanotecnologie (NNL) del CNR di Lecce, SM&T – Soft Materials and Technologies è un progetto che consiste nella produzione e commercializzazione di sistemi e materiali micro e nano-strutturati per applicazioni biotecnologiche e, in particolare, per la rigenerazione di tessuti a partire da cellule staminali. MiGlas, frutto del lavoro di un team composto da ricercatori dell’Istituto di Nanoscienze del CNR di Lecce (CNR-NANO) e ricercatori nel settore dell’Ingegneria dei Materiali e delle Tecnologie Innovative, propone invece la realizzazione di micro reattori in vetro che possono essere impiegati per produrre farmaci, combustibili o per la purificazione di sostanze.

Al progetto Promis, una spin off dell’Università di Foggia specializzata nella selezione di colture microbiche (come lieviti e batteri), per le produzione di alimenti tipici fermentati, è spettato, poi, il premio speciale extra-regolamento Bright Future Ideas Award, conferito dallo UK Trade & Investment (UKTI), l’Agenzia governativa britannica che promuove gli investimenti e i rapporti commerciali tra aziende britanniche e italiane, e dal consolato britannico di Napoli, con l’obiettivo di agevolare l’internazionalizzazione dell’impresa start-up.

Scarica il comunicato stampa: Start Cup Puglia 2011_ i vincitori-1

Fonte: sistemapuglia.it





Riqualificazione energetica a Londra

27 09 2011

Il sindaco di Londra Boris Johnson annuncia lo stanziamento di un fondo da 100 milioni di sterline per razionalizzare i consumi dell’edilizia pubblica londinese. L’obiettivo è la riduzione del 20percento delle emissioni di anidride.

Varato a Londra un piano da 100 milioni di sterline per l’ammodernamento energetico della capitale. Il London Energy Efficiency Fund ha un nome quanto mai azzeccato. L’acronimo Leef, infatti, si legge in inglese come la parola “leaf”, foglia, e non a caso una foglia stilizzata campeggia nel logo dell’iniziativa: nulla di meglio per dimostrare l’interesse per l’ambiente del Primo cittadino di Londra, Boris Johnson.

Il Leef, che fa parte del London Green Fund (LGF), un piano più generale che dovrebbe consentire di ridurre l’inquinamento prodotto dal settore edilizio londinese responsabile dell’80percento dell’inquinamento da anidride carbonica prodotto in città, è un fondo che servirà a finanziare investimenti volti a rendere più eco-compatibili centinaia di edifici pubblici della capitale come scuole, edifici di enti pubblici, ospedali, biblioteche etc. Continua a leggere





Made in Italy agroalimentare: dal 21 al 25 settembre la mostra in sala Murat

21 09 2011

In occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, il CNR e l’Associazione Festival della Scienza, hanno ideato e promosso un grande progetto dal titolo “150 anni di scienza“. Organizzato come un ideale percorso da Nord a Sud per rileggere gli avanzamenti della ricerca scientifica ottenuti nel nostro Paese dalla metà dell’800 in poi, sceglie le città di Bari e Foggia come due tappe di questo viaggio alla scoperta della scienza. L’iniziativa fa parte del progetto CNR per lo sviluppo del Mezzogiorno “Conoscenze Integrate per Sostenibilità e Innovazione del Made in Italy Agroalimentare”.

-continua a leggere>





Il Ministero dell’Ambiente “mobilita” i comuni: al via la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

19 09 2011

Prestigiacomo: «Impegno congiunto delle istituzioni per un una mobilità amica dell’ambiente e dei cittadini»

E’ partita la decima edizione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, una campagna di sensibilizzazione europea dal titolo “In città senza la mia auto”, in cui il Ministero dell’Ambiente svolge il ruolo di coordinamento nazionale. Dal 16 al 22 settembre in quasi 2000 città in tutta Europa la mobilità sostenibile sarà al centro di manifestazioni, iniziative, convegni, campagne di comunicazione. In Italia sono più di 60 i comuni e le province che hanno aderito attivamente con iniziative proprie alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, un numero mai raggiunto fino ad ora che pone il nostro Paese tra le prime nazioni in Europa per numero di città partecipanti.

-continua a leggere





Sistri: a volte ritornano…

16 09 2011

Con l’approvazione definitiva alla Camera della legge di conversione del DL 138 sulla cosiddetta manovra economica bis, abbiamo assistiamo alla “resurrezione”, con proroga, del SISTRI, cancellato in un primo momento dal 13 agosto scorso alla luce del testo originario dell’art. 6 del citato decreto.

Tale testo è stato completamente riscritto in fase di conversione in legge, risultando essere, ora, il seguente:

“2. Al fine di garantire un adeguato periodo transitorio per consentire la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, nonché l’efficacia del funzionamento delle tecnologie connesse al SISTRI, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, attraverso il concessionario SISTRI, assicura, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto-legge e sino al 15 dicembre 2011, la verifica tecnica delle componenti software e hardware, anche ai fini dell’eventuale implementazione di tecnologie di utilizzo più semplice rispetto a quelle attualmente previste, organizzando, in collaborazione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, test di funzionamento con l’obiettivo della più ampia partecipazione degli utenti. Conseguentemente, fermo quanto previsto dall’articolo 6, comma 2, lettera f-octies del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106 per i soggetti di cui all’articolo 1, comma 5, del decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, per gli altri soggetti di cui all’articolo 1 del predetto decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, il termine di entrata in operatività del SISTRI è il 9 febbraio 2012. Dall’attuazione della presente disposizione non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Continua a leggere





Chi non ricicla paga di più. Accolta la proposta di Legambiente nella nuova ecotassa della Regione Puglia

16 09 2011

“Plauso alla Regione Puglia per l’accoglimento della nostra proposta: incentivare la differenziata aumentando l’ecotassa per i Comuni non virtuosi.”

La Regione Puglia affronta con fermezza il problema della gestione dei rifiuti ricorrendo alla leva fiscale per incentivare la differenziata. Il disegno di legge approvato dalla Giunta, martedì scorso, prevede infatti una tariffa progressiva per lo smaltimento in discarica, un sistema di incentivi/disincentivi per premiare o penalizzare i Comuni a seconda degli indici raggiunti. Il meccanismo è semplice: più è alta la raccolta differenziata meno si paga per ogni tonnellata di pattume versato.

 

 “Grande soddisfazione per l’accoglimento della nostra proposta – dichiara Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia – di rimodulare l’ecotassa applicando l’aliquota massima di 25, 82 euro a tonnellata, così come previsto dalla legge del ’95.

Adottare un criterio di premialità per i Comuni più virtuosi, come da noi più volte suggerito, si rivela un utile strumento per incentivare la raccolta differenziata. L’aumento dell’ecotassa infatti ha il fine di rendere i sistemi di raccolta differenziata più competitivi rispetto al tradizionale sistema di smaltimento in discarica i cui costi, almeno al sud, sono molto più bassi. L’ applicazione di questo sistema ha già generato altrove ottimi risultati, basti vedere l’esempio della Sardegna che grazie ad una tassa simile è passata dal 3% del 2002 al 35% del 2011, configurando al 7° posto tra le regioni più virtuose d’Italia, leader tra le regioni emergenti”.

Differenziare dunque converrà sempre più ai Comuni che con l’applicazione di tale normativa vedranno ridursi l’ecotassa, e di conseguenza converrà anche ai cittadini che, vigilando sulla correttezza delle proprie amministrazioni, potranno ambire ad una diminuzione della tassa sui rifiuti.

 Legambiente presenterà a ottobre i risultati dell’edizione 2011 dei Comuni Ricicloni

Fonte : Legambiente