Presentazione del progetto SAC a Rutigliano

23 07 2011

Il quarto incontro della presentazione, alla stampa e alla cittadinanza, del progetto SAC “SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE MARI TRA LE MURA: nel Blu dipinto di Puglia”, si è tenuto ieri nella Sala Consiliare di Rutigliano.
I Comuni di Conversano (capofila), Polignano a Mare, Mola di Bari e Rutigliano coinvolti in questo progetto, presentato in risposta ad un avviso pubblico della Regione Puglia con fondi comunitari, hanno mostrato la volontà di valorizzare i sistemi ambientali e culturali e di costruire aree di sviluppo che abbracciano i territori aderenti.

Il sindaco dott. Roberto Romagno ha mostrato grande soddisfazione dei risultati ottenuti, in quanto il progetto SAC ha ricevuto il punteggio più alto in graduatoria e pertanto «l’idea di fare squadra -ha detto- è ormai un dato consolidato proprio perché oggi abbiamo la possibilità di beneficiare, insieme a quattro comuni, del risultato volto a promuovere le nostre peculiarità turistiche e ambientali».

L’assessore del comune di Rutigliano Gianvito Defilippis ha seguito le fasi di presentazione di tale progetto, assolutamente voluto dai quattro Comuni e, in tale occasione, ha affermato che il punto forte del SAC è proprio quello di non inventarsi nulla di nuovo, ma di riuscire a mettere a sistema e in rete i beni che sono già fruibili per ogni Comune, un’azione congiunta che coinvolge il nostro territorio.

Tale idea è stata voluta dagli assessori che hanno creduto in questo piano di lavoro che prevede un incremento dei flussi turistici e delle presenze nei periodi di bassa e media stagione, una presenza sul mercato di un’offerta turistica strutturata, integrata e di qualità, una fruizione dei beni e delle attività gestiti nella maniera più razionale e anche un miglioramento dell’efficienza amministrativa.

L’assessore del comune di Conversano Sig. Siviglia ha informato i presenti che gli assessori hanno partecipato al primo incontro della Regione, tenutosi il 17 Settembre 2010 alla Fiera del Levante, affinché questo progetto nascesse e poi hanno messo in rete le caratteristiche che contraddistinguono i quattro Comuni, partendo dal presupposto di andare avanti nell’azione, a prescindere dal finanziamento e dalle conseguenze che avrebbe comportato il progetto SAC che vuole valorizzare luoghi fantastici ignoti ai cittadini stessi.

Il Sig. Carbonara, assessore del Comune di Mola di Barii, si è mostrato anche lui appagato e fiducioso nell’attuazione del SAC e dei percorsi di sviluppo e cooperazione interistituzionale, attraverso la crescita e la qualificazione dei turisti che in queste zone, non arrivano in maniera sistemica.

Una squadra di esperti, tra cui Lino Manosperta Coordinatore Area Programmazione Teatro dei Ragazzi e gestione Progetti speciali, ha gradito una delle idee principali di tale progetto ovvero l’analisi del territorio.
Il Bando della Regione chiedeva ai Comuni, per la prima volta, di aggregarsi, di fare delle scelte ed individuare indirizzi che potessero valorizzare il patrimonio ambientale e culturale, puntando alla creazione di un sistema che incrementasse il turismo.

Il primo passo dei Comuni è stato quello di stabilire le direttrici per una strada da percorrere insieme, curando il tema della lentezza, in cui spesso ci si sente ingabbiati e che, in realtà, costituisce un valore mancante nella maggior parte del mondo e il tema dell’acqua marinara di Mola di Bari, di quella energetica di Polignano a Mare e di quella produttiva di Rutigliano e Conversano che ha caratterizzato per millenni il territorio.

Le azioni di valorizzazione del SAC ovvero i giri di eco metrò, itinerari organizzati secondo la logica delle linee e snodi di scambio della metropolitana, saranno effettuati utilizzando bicicletta e cavalli.
Nell’azione di negoziazione con la Regione, il progetto ha ricevuto sette bandiere di eccellenza, per cui a conclusione di tale fase di negoziazione qualunque ente potrà aderire e candidarsi alle azioni dei Bandi previsti.

«Non mi è mai capitato in tanti anni di lavoro -ha detto Lino Manosperta- di vedere come in poco tempo, la sinergia degli amministratori sia riuscita a rendersi operativa».
L’intervento del Vice Presidente della Regione dott. Nuccio Altieri ha sottolineato l’importanza del SAC che si mostra disponibile nell’affrontare anche la questione della Lama San Giorgio, problema che tortura il paese di Rutigliano da un po’ di tempo.

Il punto focale del SAC è riuscire ad individuare una gestione che sia portatrice dei benefici economici e culturali e tenere sempre bene a mente uno dei criteri fondamentali: la sostenibilità che va oltre il finanziamento.
In tale iniziativa, ha aggiunto l’amministrazione di Polignano a Mare, la politica aveva un solo compito: non litigare, nell’intento di voler lasciare l’eredità ai giovani che costituiscono il futuro.
All’interno del SAC importante è la Fondazione Pino Pascali, museo di arte contemporanea che investe un ruolo di perno, tanto da voler unire l’insieme dei pregi naturalistici alla creazione di nuovi ambiti per la ricchezza endogena del territorio.

La conferenza si è conclusa con l’augurio di Pasquale Redavid, presidente del GAL, desideroso di mettere insieme energie economiche e risorse umane. Il progetto SAC vuole, pertanto, essere passaggio da una gestione del singolo bene ad una gestione integrata nell’ambito della valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale.

Fonte: Rutigliano on line

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: